Blog: http://danielabartalucci.ilcannocchiale.it

siviglia

Perché ossessivo ritorna il ricordo di epoche lontane? Di antichi dolori e di tenera compassione e ancora l'ansia
di non riuscire tutto a comprendere e tutto a riannodare? Chi sono stata io in un'altra vita? una concubina infelice in un harem? una cornacchia gracidante negli aranceti? un bachino della terra grassa e fertile? un sasso gelato nel freddo della notte e arroventato dal sole.? No, è sollievo sapere di tornare sasso tra i sassi e sabbia tra la sabbia, alla fine del viaggio. Fortunato chi ha lo ha capito e ha trovato le parole per raccontarlo, perché ha avuto la pienezza della vita e dell'attimo.
A presto!

Pubblicato il 14/4/2010 alle 17.56 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web